Andar per castagne nei boschi italiani

348869b24610d4c0e8f7bd4c2388a152_w300_h200_cp.jpg
0
0
0
s2smodern

Le temperature si abbassano e l’autunno si avvicina. Quale miglior momento per organizzare delle belle passeggiate nei boschi e magari raccogliere le prime castagne… Iniziamo dalla Toscana e più precisamente nell’alta valle dell’Arno chiamata Casentino. Sul crinale del Pratomagno caratterizzato da torrenti di montagna e valli dai tipici agglomerati montani, c’è Ortignano. In questo luogo si trova la selva “La Lella” un castagneto aperto a tutti per la raccolta delle castagne delle qualità “raggiolane”, “perelle”, “pistolesi”, “ tigolesi” ma anche selvatiche. Per l’autunno 2017 i proprietari hanno organizzato il seguente programma: passeggiata nel castagneto con raccolta illimitata di castagne e assaggio di baloci, sono chiamate così le castagne di tipo “ marroni” o “pistolesi” lessate, e vino. Le escursioni si svolgono in due orari il mattino dalle 10 alle 12 e 30 ed il pomeriggio dalle 14 e 30 alle 17.00 e vanno prenotate due giorni prima.

Leggi tutto: Andar per castagne nei boschi italiani

I favolosi gioielli della Biennale Paris

3ecf2654c020dbfacfdaebb621a771a4_w300_h200_cp.PNG
0
0
0
s2smodern

A Parigi nei prossimi giorni il Grand Palais ospiterà la Biennale Paris. Un appuntamento attesissimo e imperdibile che riunisce sotto la sua cornice i più grandi antiquari del mercato internazionale. Alla Biennale non ci sono solo quadri inestimabili, capolavori manifatturieri e mobili pregiati ma anche gioielli sfavillanti. La mostra raduna anche i più grandi gioiellieri del panorama mondiale che presentano pezzi unici, straordinari e che alla Biennale hanno la loro vetrina.

Leggi tutto: I favolosi gioielli della Biennale Paris

Caposele. La Storia dell’Acquedotto Pugliese.

384096a467ac34960b5b78ca6e006306_w300_h200_cp.jpg
0
0
0
s2smodern

In questi giorni si parlà molto di siccità e di mancanza di acqua nelle regioni italiane. In questo articolo vi racconterò la storia di Caposele, paese della verde Irpinia, in provincia di Avellino in Campania e delle sorgenti del Sele che diedero la nascita all’Acquedotto Pugliese. Immaginatevi un paese diviso da un fiume che scorreva ad una potenza di 7700 litri al secondo diventato negli anni un centro ricchissimo che basava la sua economia sull’acqua, prezioso oro blu. Nato ai piedi del Monte Paflagone nel luogo dove sgorgano le acque del Sele. E pensate alla Puglia, una regione arida e assetata, che così Orazio descriveva: siderum insedit vapor siticulosae Apulaie (arriva alle stelle l’afa della Puglia sitibonda).

Leggi tutto: Caposele. La Storia dell’Acquedotto Pugliese.

ebf9ecaff9bd48b17746651add83e000_w300_h200_cp.jpg
0
0
0
s2smodern

Il giardino botanico alpino di Flore-Alpe situato a Champex-Lac nel comune di Orsières e nel cantone di Valais,in Svizzera, è un luogo magico situato a 1500 metri di altezza. Si affaccia sul lago di Champex ed è circondato dalle montagne di Catogne e Combin. Il 25 giugno scorso ha festeggiato 90 anni. Ci sono quasi 4000 piante di montagna distribuite su una superficie di 6000 m2 rappresentative della flora locale, regionale e quella delle montagne europee vicine. Ma come nasce questo giardino? Negli anni ’20 Jean-Marcel Aubert,un ricco industriale appassionato di montagna, rimasto folgorato dalla località di Champex elegge qui la sua residenza estiva e costruisce un grande chalet in legno dall’architettura eccentrica. Nel 1927 decide, per salvaguardare la flora alpina, di realizzare un giardino e chiama in aiuto il botanico Henry Correvon (1854-1939), specialista in piante alpine, che si adoperò per tutta la sua vita all’istituzione di giardini botanici in Svizzera. Nel 1896 creò a Ginevra, tra le altre cose, anche il giardino alpino di climatizzazione. Flore- Alpe è una meraviglia della natura e dell’uomo. Tra sentieri serpeggianti, rocce e ponti sovrastanti piccoli ruscelli i visitatori possono contemplare stelle alpine, rose selvagge e botaniche, rododendri, genziane, campanule, conifere...

Leggi tutto: Montagne Svizzere. Un giardino botanico a 4000 metri di altitudine.

Autunno- Inverno. Le mostre da non perdere a Parigi.

8ce1d082cfdedce12e80102b6796796d_w300_h200_cp.jpg
0
0
0
s2smodern

Parigi in autunno è tutto un susseguirsi di mostre da non perdere. Pittura, Pop Art, fotografia ed installazioni en plein air. Ecco una selezione degli appuntamenti artistici salienti della prossima stagione. Al Musée Marmottan, dal 14 settembre al 14 gennaio 2018, ci sarà “Monet collectionneur”. Una mostra diversa in cui sono raccolte le sue collezioni private di disegni e sculture firmate da Delacroix, Corot, Boudin, Jonkind, Manet, Renoir, Caillebotte, Cezanne, Morrisot, Pissarro, Rodin o Signac. Il museo Marmottan-Monet le ricostruisce interamente grazie al sostegno di grandi musei e collezioni private.

Leggi tutto: Autunno- Inverno. Le mostre da non perdere a Parigi.

e71c4d9c079ee46a2e781d00eeeaab33_w300_h200_cp.jpg
0
0
0
s2smodern

Il Museé des Arts Décoratifs di Parigi ripercorre con una grande retrospettiva i 70 anni della Maison Dior.

I curatori Florence Muller e Olivier Gabet hanno dedicato tutti i 3000 m2 del museo a Christian Dior realizzando un percorso cronologico e tematico. Sono esposti più di 300 abiti Haute Couture, dal 1947 ad oggi, e centinaia di documenti ( schizzi, fotografie, lettere, manuscritti, pubblicità...) ed anche cappelli, borse,scarpe, gioielli, profumi.”Christian Dior, stilista del sogno” fù così chiamato fin dalla sua prima sfilata Primavera-Estate “New Look” avvenuta nel 1947, in una Parigi appena uscita dalla guerra. Modificò per sempre la figura maschile dell’abbigliamento che caratterizzava la donna negli anni della guerra, esprimendo quindi una femminilità moderna con vestiti che esaltavano le sinuose curve femminili  ispirati al balletto classico. Una collezione ricca e sublime in cui ogni abito rappresentava il meglio della creazione.

Leggi tutto: Parigi. Dior Couturier du Reve. Una mostra celebra i 70 anni della Maison Dior Dal 5 luglio 2017...

EDITORE

EURONET COMUNICAZIONE s.r.l. Con Amministratore Unico
65 PER RICOMINCIARE - Settimanale online di informazione
Autorizzazione Tribunale di Roma n° 88/2014 del 24/04/2014
Direttore Responsabile – Anita D'Asaro
Copyright © 2015 www.65perricominciare.it
Tutti i diritti riservati

CONTATTI

Viale B. Buozzi 102
00197 Roma (RM) Italia

+39.06.32110096

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

POWERED BY

Open Consulting