OSSERVATORIO SENIOR. INTERVISTA A ENRICO OGGIONI

0
0
0
s2sdefault

Enrico Oggioni ex consulente manageriale e imprenditore, autore del libro I ragazzi di sessant’anni e fondatore di Osservatorio Senior, ci racconti come sei arrivato dal libro all’Osservatorio? “Dopo aver scritto il libro, ho continuato a occuparmi di temi relativi ai senior e così ho intercettato alcune esigenze della fascia d’età che va dai 55 ai 75 anni. La prima esigenza che ho voluto soddisfare attraverso questo Osservatorio, è stata quella di dare informazioni qualificate sui tanti aspetti della vita su cui ci sono novità a questa età. Poi, noi di Osservatorio Senior abbiamo capito che era anche necessario fare rete con altre associazioni per fare scambio di informazioni e iniziative comuni. Abbiamo voluto anche dare una ‘tribuna’ ai senior per raccontarsi e confrontarsi.


L’Osservatorio è un’ Associazione culturale senza scopo di lucro, tiene aggiornati i senior su studi e ricerche in questi ambiti: alimentazione, salute, lavoro, psicologia legata all’invecchiamento, consumi e stili di vita, temi economici e previdenziali, trend demografici, uso della tecnologia da parte dei senior, senza dimenticare le soluzioni abitative, le differenze di genere che esistono anche tra i 55 e i 75 anni e i “senior nel mondo”, cioè cosa fanno e quali sistemi previdenziali hanno in altri paesi come Stati Uniti, Brasile, Giappone etc.
In questo momento stiamo facendo una ricerca sulla percezione dei senior, cioè come i senior percepiscono se stessi e la rappresentazione sociale che hanno dei senior sia i giovani che gli over80. La ricerca durerà un anno e prenderà in considerazione aspetti sia quantitativi che qualitativi. Si occuperà anche degli atteggiamenti e delle aspettative verso il futuro delle persone che stanno lasciando il lavoro o l’hanno lasciato da poco. L’Osservatorio ha un sito che è il luogo dove vengono raccontate le ricerche e dove sono pubblicati articoli scritti da persone qualificate, dal prof Rosina che insegna demografia all’Università Cattolica di Milano, al prof. Bellelli geriatra che insegna all’Università Bicocca di Milano fino alla dott.sa Isabella Cecchini che è Direttrice del Dipartimento di Ricerche sulla Salute in GfK Eurisko, e a tanti altri. Ma ci sono anche le storie, le testimonianze inviate dai senior e le rubriche come ‘Letti e Visti ‘ dove si trovano recensioni di libri e film di cui sono protagonisti i senior.” Hai detto che vi occupate anche dei temi del lavoro.
In che modo? “La sfera del lavoro per i 55-75enni può significare cose molto diverse: ci sono coloro che continuano a lavorare, ma per molti, soprattutto nella fascia di età 55-65, a tutt’oggi è un momento di transizione in cui si lascia il lavoro vuoi per pensionamento vuoi per licenziamento. I temi che affrontano i nostri due referenti sul fronte lavoro, Gianpiero Scilio e Corrado Bottio, consulenti di management e partner della società Mida, sono quindi diversi a seconda che si parli di chi è ancora al lavoro e di chi no.
Nel primo caso, ad esempio, argomenti-chiave sono quelli della motivazione lavorativa del senior e quelli della capacità delle aziende di progettare organizzazioni del lavoro che sappiano valorizzare le competenze di chi ha 30 o 40 anni di esperienza. Nel secondo caso, sono importanti, ad esempio, il come ritrovare lavoro dopo i 55 anni o il come gestire in modo consapevole la transizione verso la fase del non-lavoro.”

Anita D'Asaro
27 ottobre 2015

 

 

 

EDITORE

EURONET COMUNICAZIONE s.r.l. Con Amministratore Unico
65 PER RICOMINCIARE - Settimanale online di informazione
Autorizzazione Tribunale di Roma n° 88/2014 del 24/04/2014
Direttore Responsabile – Anita D'Asaro
Copyright © 2017 www.65perricominciare.it
Tutti i diritti riservati

CONTATTI

Viale B. Buozzi 102
00197 Roma (RM) Italia

+39.06.32110096

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

POWERED BY

Open Consulting